IMG_9440
IMG_9715
IMG_0010
IMG_9105_edited
IMG_8819_edited
IMG_9095_edited
IMG_9355_edited
IMG_8748_edited
capodoglio, soffio
Stenelle in salto
Globicefali
Zifio
Grampo, coda
Stennella striata
Stenella striata
Stenella striata
Tursiope
IMG_9440
IMG_9715
IMG_0010
IMG_9105_edited
IMG_8819_edited
IMG_9095_edited
IMG_9355_edited
IMG_8748_edited
capodoglio, soffio
Stenelle in salto
Globicefali
Zifio
Grampo, coda
Stennella striata
Stenella striata
Stenella striata
Tursiope
Ricerca Scientifica

Le ricerche scientifiche sono volte principalmente a valutare lo stato della fauna cetologica nelle coste siciliane, tramite survey in mare di foto-identificazione.  L’area di studio è situata nel Canale di Sicilia, il tratto di mare compreso tra la Sicilia e la Tunisia. Quest’area svolge un ruolo importante dividendo il Mar Mediterraneo in due principali sottobacini, l'orientale e l’occidentale. La complessa topografia e la circolazione rendono il Canale di Sicilia una zona altamente produttiva e un hotspot di biodiversità nel mar Mediterraneo. Nelle acque antistanti la costa della Sicilia occidentale, si concentrano le nostre ricerche, qui è possibile incontrare svariate specie di cetacei, delfini comuni, stenelle e tursiopi sono particolarmente diffusi. Lo stato delle conoscenze sulle popolazioni di cetacei nelle acque italiane risulta, ad oggi, ancora incompleta e frammentaria, in particolare per alcuni tratti delle coste dell’Italia Meridionale in generale, e della Sicilia in particolare.

Progetti
Didattica

2018-2020:

Bottlenose dolphins in the Sicilian Channel. Increasing knowledge through research activities and People awareness on the marine environment conservation - #OceanAction28338” sviluppato da Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo,in ambito diOcean Action Hub”, un progetto delle Nazioni Unite nato a seguito della Ocean Conference (Conferenza sull’Oceano). In ambito di questo progetto i Paesi di tutto il mondo si sono impegnati a raggiungere gli “Obiettivi Globali” (17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile o SDG) entro il 2030. Nello specifico, il SDG 14 ha come focus la conservazione di mari ed oceani, la tutela dei suoi ecosistemi, e l’utilizzo sostenibile delle risorse marine.

Associazione Me.Ri.S. mira ad aumentare lo stato di protezione dei delfini nel Canale di Sicilia attraverso due attività coordinate. La prima è aumentare le conoscenze scientifiche sui tursiopi che popolano le acque al largo della provincia di Agrigento.

Questo obiettivo sarà raggiunto attraverso i seguenti obiettivi specifici:
1) calcolare una stima preliminare dell'abbondanza della popolazione e ottenere modelli di distribuzione e movimenti dei delfini al fine di identificare i corridoi ecologici;
2) valutare l'interazione tra i delfini e le attività umane con particolare riguardo alla pesca professionale.

La seconda attività, mira a sensibilizzare le persone sull'importanza di proteggere i cetacei e il loro ambiente, attraverso attività di divulgazione e formazione. Questo obiettivo sarà raggiunto attraverso attività di divulgazione per cittadini e attività di formazione scientifica.

Per maggiori informazioni: https://oceanconference.un.org/commitments/?id=28338

2018:

ARCIPELAGANDO: alla scoperta della biodiversità dell’Arcipelago Toscano” è un progetto promosso da Distav – Università degli Studi di Genova, Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo, Marelibero A.S.D. L'Iniziativa è co-finanziata dalla Regione Toscana su Bando Go Green Biodiversità 2018.

Il progetto prevede due attività da svolgersi nelle acque dell'Isola d'Elba, di Capraia e Pianosa:

1) Campagna di Fotoidentificazione in mare, monitoraggio e censimento specie con particolare riguardo al tursiope.

2) L’attività di formazione, informazione ed educazione ambientale, svolta a bordo durante la campagna di monitoraggio e dedicata alle seguenti categorie: Direzione Marittima e Capitanerie; Referenti comunali del Santuario Pelagos; Personale di Parchi, Guide Ambientali, Guide del Parco e delle riserve naturali; Diving e Associazioni;  Studenti Universitari e neolaureati.

Delfini Akragantini” è un progetto a lungo termine di monitoraggio e ricerca avviato nel 2016, promosso da Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo.

Il progetto mira a incrementare le conoscenze sulla presenza, abbondanza e distribuzione dei delfini costieri (Tursiops truncatus), nonchè a indagarne il comportamento e valutare le interazioni con le attività di pesca professionale e gli uccelli marini. Si sviluppa nelle acque antistanti la provincia di Agrigento nella costa sud-occidentale sicula.

I METODI DI RICERCA comprendono:

• Monitoraggio dei cetacei nelle aree di studio, condotto da un gommone a chiglia rigida (Selva 5.40) equipaggiato con un motore fuoribordo 40 hp, 4 tempi.

• Attività di foto-identificazione utilizzata per ottenere stime di abbondanza dei delfini e informazioni sui relativi movimenti e sulla struttura sociale.

• Applicazione di modellistica utilizzata per indagare la distribuzione e l’uso dell’habitat.

• Monitoraggio della dimensione dei gruppi e del comportamento dei delfini .

• Monitoraggio di altre specie marine, tra cui tartarughe, tonni, pesce spada e uccelli marini.

• Osservazione delle interazioni tra delfini e attività antropica, principalmente pesca a strascico e volanti di coppia. E relative indagini etologiche.

L’associazione MeRiS è impegnata in attività di formazione scientifica di giovani, fornendo la possibilità di svolgere campi studio, affiancando i ricercatori durante la loro normale attività. È inoltre disponibile per lo sviluppo di progetti di tesi universitarie.

Progetti
locandina campi studio.jpg

2018-2019:

Tecniche di Monitoraggio per lo studio dei Cetacei - III° edizione

E' attivo per l'anno accademico 2018/2019 la terza edizione del corso di perfezionamento in "Tecniche di monitoraggio per lo studio dei cetacei". Il corso è promosso dal DISTAV (Università degli Studi di Genova), il Centro Interuniversitario di Ricerca sui Cetacei (CIRCE) e l'Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo. Il corso ha ricevuto il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare e della Società Italiana di Biologia Marina (SIBM).

La terza edizione del corso si propone di formare una figura professionale con conoscenze specifiche di 1) biologia ed ecologia dei Cetacei e sui rischi derivanti dall’impatto antropico e 2) monitoraggio dei cetacei. Le due tematiche verranno sviluppate tramite 42 ore di lezioni frontali (presso l'Università di Genova e l'Associazione Me.Ri.S.) e consolidate attraverso 16 ore di training in mare nel Canale di Sicilia (presso l'Associazione Me.Ri.S.). Il corso si svolgerà nel periodo 27 maggio – 15 luglio 2019 e permetterà di conseguire 5 CFU.

Il corso è aperto a 6 partecipanti ed è rivolto a laureati e laureandi in materie scientifiche e /o diplomati con esperienza nel settore marino (personale aree protette, amministratori, forze dell’ordine).
Le iscrizioni sono aperte fino al 6 maggio 2019, ore 12.
Il bando è disponibile al link:
www.studenti.unige.it/postlaurea/perfezionamento/ o cliccando qui
La domanda di ammissione al Corso deve essere presentata mediante la procedura on-line all'indirizzo:

https://servizionline.unige.it/studenti/post-laurea/corsiperfezionamentoformazione

2017-2018:

Tecniche di Monitoraggio per lo studio dei Cetacei” è un corso di perfezionamento post-lauream promosso da Distav – Università degli Studi di Genova, Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo, CIRCE - Centro Interuniversitario di Ricerca sui Cetacei L'Iniziativa è stata sponsorizzata da SIBM - Società Italiana di Biologia Marina, ed ha ricevuto il patrocinio del Ministero dell'Ambiente per la Tutela del Terriotorio e del Mare.

Il corso si propone di formare figure qualificate, con competenze specifiche nel monitoraggio dei cetacei in grado di applicare le principali tecniche di campionamento ed analisi dei dati e si svolgerà da Febbraio ad Ottobre 2018 Le 4 tematiche previste verranno sviluppate con un approccio didattico pratico-interattivo tramite 94 ore in laboratorio (presso l'Università di Genova) e 50 ore di training in mare nel Canale di Sicilia (presso l'Associazione Me.Ri.S.).

Il corso è aperto a 10 partecipanti ed è rivolto a laureati in materie scientifiche e /o diplomati con esperienza nel settore marino (personale aree protette, amministratori, forze dell’ordine), nonché a studenti di corsi di laurea triennale che abbiano maturato almeno 60 CFU.

MERIS EXPEDITION 2019_LOCANDINA.jpg

Campo Studio in Tecniche di Monitoraggio per lo studio dei Cetacei” ogni anno Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo, promuove corsi estivi che si propongono di formare figure qualificate, con competenze specifiche nel monitoraggio dei cetacei in grado di applicare le principali tecniche di campionamento ed analisi dei dati 

Il corso teorico-pratico è aperto a 5 partecipanti a settimana ed è rivolto ad appassinati del mare e della sua protezione.

La partecipazione è aperta esclusivamente ai soci maggiorenni. La partecipazione consente l'acquisizione di Crediti Formativi Universitari (CFU).

Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo. Via Milano n°8, 92026 Favara (AG). C.F. 93060970840.

E-mail: info.meris@gmail.com cell: +39 3471430619

www.facebook.com/associazionemeris

Tutte le iniziative pubblicate su questo sito sono rivolte esclusivamente ai soci

©2015 Associazione Me.Ri.S. Mediterraneo Ricerca e Sviluppo - All rights reserved

Informativa sulla Privacy - Privacy Policy